sabato 5 novembre 2011

IN CADUTA LIBERA O IN ASCESA TROPPO RAPIDA




Io Lo so, non sono come tu mi vuoi.
Lo so, sono diventato noioso. Sono diventato minimale. Senza parole.
Lavami da questo fango. C'è un fiume che scorre.
L'asciugamano non serve.
Le tue labbra seccate dal freddo. Oppure no.
Cammino come un funambolo confuso e debole
su una corda tesa sopra l'abisso.
Sotto, lame isteriche affonderanno in ciò che resta di me quando cadrò.
O forse no mi butterò prima di cadere.
Cadrò giù. Cadrò giù. Cadrò giù. Cadrò giù.
E' tutto pericoloso. E' tutto pericoloso.
Eppure dovresti saperlo, ma non sei abbastanza sensibile.
Gli umani hanno occhi ma no vedono, hanno orecchie ma non sentono, ma ancor più hanno una testa ma non pensano. Forse pensano col cazzo? O col cazzo che pensano?
Va bhe dai lasciamo perdere!
Apro le finestre per cambiare quest'aria funebre,
sudicia di morte, birra asfaltata e fumo che mi aggrava sempre più.
Cerco di ricordadre perchè sono venuto. 
Cerco di dare una spiegazione al perchè sono qui.
Perchè sono venuto? Sono venuto solo per chiedermi perchè sono venuto.
Perchè sono qui? Sono qui solo per chiedermi perchè sono qui.
Perchè sono diventato un'insieme di bit?

9 commenti:

onda ha detto...

è molto intenso ciò che hai scritto... ci sono dei momenti in cui davvero tutto sembra inutile o superfluo e si macina il tempo a chiedersi il perchè delle cose senza voler trovare le risposte... hai detto una cosa importante a mio parere: "non sono come tu mi vuoi" e questo è indice di carattere, di un essere per come si è e per come ci si sente e non è poco per niente... ci sono persone che costruiscono un'intera esistenza sull'essere come gli altri vogliono e ad un certo punto spesso accade che questo meccanismo si sgretoli e cada giù... e lì davvero rimane solo il vuoto, il vuoto di sè, che è la cosa peggiore... il dolore invece è affrontabile quando si è.
un bacio

Vale ha detto...

Se qualcuno ti vuole per quello che non sei, allora non vuole te, vuole una bugia.

Joe Black ha detto...

Fred....spogliati di quel funebre lenzuolo e non getterti nel dolore nero. Ama te stesso. Non farti troppe domande perchè le risposte sono in te e credo che tu stesso spesso ti rifiuti di leggerle. E' giusto. Sei ancora giovane!
Ma amati di più!
Un bacio pieno di sole!
Elisena

slevin ha detto...

Rimani sempre te stesso....non cambiare mai!!!!!

Sunshine ha detto...

intenso...mi piaci. MOLTO.

Nadia ha detto...

Devi credere di più nella magia dell'impossibile, non avere fretta e aspetta.
Te lo dico con questa poesia:

FOLLIA

È pura follia pensare
che da una foglia secca
possa nascere un fiore,
che un'ombra senza sole
rifletta un sorriso,
che il rimprovero regali
al bimbo una carezza.
E' pura follia aspettare
la neve d'estate,
la pioggia nel deserto,
il frutto da una spina, e
che un desiderio s'avveri
perché cade una stella.
Credo alle favole,
per questo sono folle.

Anonimo ha detto...

:) APPARTENIAMO ALLA MORTE

GIORGIE

Andrea ha detto...

Ci sono momenti di turbamento così forti, dolori così intensi che non si può fare a meno di solidarizzare umanamente e condividere. Un post di struggente bellezza.
Buona Giornata
Andrea

Andrea ha detto...

Grazie a te per averla ricambiata
Buona Giornata
Andrea

Posta un commento